I pediluvi

Una brutta abitudine, tuttavia MOLTO diffusa e radicata nella cultura popolare, è quella di effettuare pediluvi con le soluzioni più fantasiose. Acqua e bicarbonato o sale sono le più frequenti, ma non manca chi disinfetta i piedi con acqua e varechina, che è altamente istolesiva e danneggia gravemente i tessuti sani!

Il pediluvio se il piede è sano, effettuato con acqua calda, può avere solamente una valenza psicologica, un effetto placebo che regala relax ed una senzazione di benessere.

In caso di patologie quali unghia incarnita, lesioni, micosi ungueali o cutanee invece, non solo non è di alcun giovamento, ma può aggravarne la sintomatologia anche in maniera importante.

Acqua e sale pizzica e da la sensazione di "disinfezione". Inoltre per un processo osmotico sgonfia la zona flogotica sottraendo acqua ai tessuti.
Tuttavia la disinfezione in realtà non avviene, anzi l'acqua essendo tutt'altro che sterile porta con se nuovi patogeni che riescono a penetrare in profondità nei tessuti grazie alla sua capacità infiltrativa. Inoltre la sottrazione di liquidi ai tessuti, e quindi il loro "sgonfiamento" coatto, ostacola l'azione del sistema immunitario.

Le patologie cutanee vanno trattate con prodotti specifici e con terapie mirate. Con disinfettanti per cute lesa, con antimicotici in polvere, in crema o sotto forma di lacca.
La remissione dei sintomi, la riduzione del gonfiore, rossore, dolore, deve essere causata da una risoluzione dell'infezione, non deve essere solo sintomatica.