Coronavirus banner

RISPOSTE ALLE VOSTRE DOMANDE

Volendo rispondere a tutti coloro che mi hanno scritto con tantissime domande,
ma non potendolo fare singolarmente, raggruppo qui le risposte a quelle più frequenti.




- SI POSSONO USARE MASCHERE FATTE IN CASA IN MANCANZA DI ALTRO?

SI. Sono state effettuate ricerche che dimostrano come una maschera casalinga abbia comunque una qualche capacità filtrante e sia meglio rispetto al non indossare nulla.
La CDC in una situazione di crisi in cui non siano disponibili all'acquisto dispositivi di protezione facciale sostiene che come ultima risorsa sia raccomandato comunque ricorrere a maschere fatte in casa per la cura di pazienti affetti da COVID19. Viene ribadito quindi ccome permettano comunque una protezione di qualche tipo.



- SI POSSONO DISINFETTARE LE MASCHERINE CON L'ALCOL?

SI CON UNA SOLUZIONE IDROALCOLICA AL 75% E MOLTA ATTENZIONE. Ad oggi è l'unico metodo ritenuto in qualche modo consigliabile, leggete questo articolo per capire come farlo.


- NON SI POTREBBERO USARE MASCHERE FFP3 SENZA VALVOLA INVECE DELLA CHIRURGICHE?

SI e NO. Le maschere ffp2 e ancor più le ffp3 sono pesantemente filtranti per cui poco tollerabili per molti. Inoltre essendo più "pesanti" trattengono molto di più l'umidità della respirazione, per questo ne esistono con la valvola. Quelle senza valvola durano poco in quanto l'accumulo dell'umidità all'interno ne compromette l'efficienza in breve tempo.

- LE MASCHERINE SI POSSONO STERILIZZARE NEL FORNO A MICROONDE?


NO. Ricerche del 1994 e del 2004 sulle microonde hanno dimostrato che i virus di alcuni ceppi di influenza, come quella aviaria, vengono inattivati se esposti per 4 minuti. Ma non si tratta di coronavirus.
Nel corso di uno studio del 2009 inoltre alcuni modelli di mascherine si sono parzialmente deformate o sciolte ed hanno perso la capacità filtrante quando esposte alle microonde.
I risultati suggeriscono che il metodo di irradiazione con forno a microonde richiede un miglioramento prima di poter essere raccomandato per la decontaminazione delle mascherine ed il successivo riutilizzo.
Senza contare che la sperimentazione è stata realizzata con strumentazione di laboratorio a potenze non specificate, non con i forni casalinghi.
In conclusione la disinfezione delle mascherine nel forno a microonde casalingo ad oggi non è affidabile.


- LA DISINFEZIONE SI PUO' FARE NEI FORNETTI PER LE UNGHIE? (per la polimerizzazione del gel)

NO. Quando parlo dei raggi UV-C e della loro capacità virucida mi riferisco a quelle emesse da appositi appareccchi sterilizzanti.
I fornetti per le unghie emettono raggi UV-A quindi differenti e che non hanno alcuna capacità disinfettante.
Per la disinfezione delle mascherine bisogna utilizzare gli sterilizzatori a raggi UV, specifici apparecchi che utilizzano i raggi UV-C ed il tempo di sterilizzazione è preimpostato dal produttore.


- SI PUO' USARE IL FORNO DA CUCINA PER UCCIDERE I VIRUS?

NO. Sebbene la WHO abbia dimostrato che il virus della SARS sia inattivato da una esposizione a 56 gradi per 15 minuti questo è avvenuto in laboratorio. L'utilizzo del forno casalingo nel corso di una sperimentazione sulla sterilizzazione delle mascherine ha dimostrato come si rischi di danneggiare la struttura della mascherina compromettendone l'efficacia ed inoltre è impossibile dire se nelle condizioni di un forno casalingo si possano ottenere gli stessi risultati virucidi ottenuti in laboratorio.
Oltre al fatto che un forno ventilato potrebbe diffondere il virus nell'aria circostante, date le sue caratteristiche, prima che venga "ucciso".


- SI PUO' USARE IL PHONE PER DISINFETTARE CON IL CALORE LE MASCHERINE?

NO. Sebbene il getto d'aria possa arrivare a circa 70° il rischio maggiore è di spargere nell'aria il virus, se presente sulla mascherina, prima che possa essere "ucciso", con serio rischio di contagio per chi sta effettuando questa operazione sia per chi gli è attorno.


- SI POSSONO DISINFETTARE LE MASCHERINE CON LA CANDEGGINA?

NO. La candeggina è un potente virucida e battericida. L'azione è più lenta rispetto a quella dell'alcol, non necessari parecchi minuti perché agisca, contro le poche decine di secondi dell'alcol. Non è indicata quindi per la disinfezione delle mani, ma è perfetta per le superfici.
Per quanto riguarda le mascherine vi sono studi che dimostrano come rimanga candeggina sul tessuto anche dopo una notte di essiccazione all'aria e che questa ricominci ad esalare dal tessuto non appena inumidita dalla respirazione, con seri rischi di intossicazione da parte dell'utilizzatore.
Le mascherine inoltre sono composte da delicati strati di tessuto la cui capacità filtrante è legata all'integrità delle fibre, non assicurata da un utilizzo maggiore di 2/3h o ripetuto nel tempo (per questo sono monouso), figuriamoci se possa mantenersi in seguito al risciacquo necessario per l'eliminazione dei residui di candeggina.


- SI POSSONO BOLLIRE O LAVARE CON SAPONE LE MASCHERINE PER DISINFETTARLE?

NO. Le mascherine sono composte da delicati strati di tessuto la cui capacità filtrante è legata all'integrità delle fibre, non assicurata già da un utilizzo maggiore di 2/3h o ripetuto nel tempo (per questo sono monouso), il lavaggio o la bollitura sono processi aggressivi, necessari oltretutto più e più volte, che ne comprometterebbero inevitabilmente l'efficacia.


- COME SI OTTIENE UNA SOLUZIONE ALCOLICA AL 75% PARTENDO DA UN ALCOL ETILICO EDIBILE AL 95%?

La concentrazione corretta è possibile raggiungerla realizzando una soluzione di 1lito composta da 800cc di alcol e 200cc di acqua.

- COME SI OTTIENE UNA SOLUZIONE ALCOLICA AL 75% PARTENDO DA ALCOL DENATURATO AL 90%?

La concentrazione corretta si ottiene utilizzando 850cc di alcol e 150cc di acqua.


- PERCHE' L'ALCOL AD ALTE CONCENTRAZIONI NON E' EFFICACE?

L'alcol diluito in acqua al 75% massimizza la sua capacità di lisare la membrana lipidica che avvolge alcuni virus (tra i quali il coronavirus) e i batteri. A concentrazioni maggiori invece crea dei fenomeni coagulativi a livello di membrana lipidica che ne aumentano parzialmente la resistenza. Quindi non vale la regola che vale in altre situazioni "più zucchero più è dolce" "più alcol più disinfezione".


- QUALSIASI MASCHERINA NON E' EFFICACE PERCHE' IL VIRUS E' TALMENTE PICCOLO DA PASSARCI ATTRAVERSO

FALSO. Il virus, è vero, ha dimensioni tali per cui passerebbe attraverso il tessuto ed il materiale di qualsiasi mascherina. Tuttavia viene liberato nell'aria SEMPRE e SOLO all'interno di goccioline di salive che sono molto, molto, molto più grandi del virus e che vengono efficacemente intercettate dalle mascherine.

Questo sito internet non raccoglie alcuna informazione personale, non possiede cookies, tutte le informazioni che fornirete tramite la scheda contatti saranno trattate secondo il vigente regolamento sulla privacy.